Allattamento materno per i neonati prematuri con spina bifida

0
252 views
Allattamento materno per i neonati prematuri con spina bifida

I benefici dell’allattamento al seno sia per la madre che per il bambino sono ben noti, anche per i neonati prematuri (LPI). Tuttavia, poiché nei prematuri il cervello potrebbe non essere completamente sviluppato, è possibile che abbiano difficoltà a succhiare il latte.

Ciò significa che questi bambini sono ad alto rischio di integrazione con formula e / o interruzione dell’allattamento al seno. Senza latte materno, questi bambini perdono un componente fondamentale per la protezione e lo sviluppo ottimale del loro cervello.

Uno studio unico nel suo genere della School of Nursing dell’Università della Pennsylvania (Penn Nursing) descrive i risultati positivi del latte materno e dell’allattamento al seno in un programma di cure presso l’ospedale pediatrico della Pennsylvania per prematuri nati con Spina Bifida – mielomeningocele (MMC). La MMC è una condizione in cui la spina dorsale e il canale spinale del bambino non si chiudono prima della nascita ed è uno dei difetti più comuni negli Stati Uniti.

Un programma strutturato ad hoc

Il programma, unico nel suo genere, include:

  •  una consulenza prenatale personalizzata per tutte le madri nel programma di cure prenatali, 
  • pompaggi precoci e frequenti per stabilire l’apporto di latte 
  • il contatto pelle a pelle dalla nascita, 
  • l’opzione per i genitori di integrare i loro bambini con il latte materno pastorizzato di un donatore. 

Banca del latte materno

Il latte materno contiene sostanze nutritive e anticorpi essenziali per lo sviluppo dei neonati, in particolare per quelli nati prematuramente. Quando questi bambini non possono essere allattati al seno dalle loro mamme il latte umano pastorizzato di una banca del latte è l’alternativa migliore. Per saperne di più puoi consultare il sito dell’Associazione Italiana delle Banche del Latte Umano Donato

Questo studio dimostra che, con adeguati interventi, le madri che hanno bambini con mielomeningocele possono aspettarsi di nutrire il loro figlio con latte materno e di allattare direttamente al seno“, ha affermato la ricercatrice capo dello studio Diane L. Spatz.


Fonte:

https://insights.ovid.com/crossref

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui