Svelato il perché il neonato piange quando la mamma si siede

0
4.130 views
Svelato il perché il neonato piange quando la mamma si siede

Il motivo del pianto del neonato quando la mamma si siede avrebbe un’origine ancestrale legata alla sopravvivenza.  

È una ricerca pubblicata sulla rivista Current Biology a spiegare il perché i neonati piangono quando la mamma si ferma.

C’è pianto e pianto

Sono diversi i pianti del neonato: piange perché sente dolore, perché ha fame, perché vuole attirare l’attenzione o perché vuole le coccole. Il pianto, infatti, è il primo e principale strumento di comunicazione del neonato, che si assicura così la propria sopravvivenza.

 

Approfondimento: Il pianto dei bambini accende il cervello delle loro mamme

Il pianto del neonato è una richiesta di protezione

In passato, l’uomo proteggeva se stesso e la propria famiglia dai predatori fuggendo e spostandosi. Nella loro ricerca, gli studiosi hanno notato un’analogia tra il pianto dei neonati e questa pratica ancestrale di sopravvivenza.

Stare in braccio alla mamma mentre è in movimento, infatti, tranquillizza il piccolo. Questo perché il neonato sa che spostandosi non sarà in pericolo – ossia non verrà “attaccato da predatori”.   

Per i bambini di meno di sei mesi, stare tra le braccia della mamma o del papà è dunque un modo per sentirsi protetti dai pericoli.

Quando la mamma riprende a camminare

Non appena il piccolo, rosso dal pianto, viene preso in braccio dalla mamma che riprende a camminare:

  • il lamento si riduce
  • i movimenti involontari diminuiscono
  • la frequenza cardiaca rallenta

 

Il bimbo è ora al sicuro e più sereno!

 

Fonte per approfondimento:

Infant Calming Responses during Maternal Carrying in Humans and Mice, Current Biology