Nanna dolce nanna: il rito della buonanotte

0
2.278 views
Nanna dolce nanna: il rito della buonanotte

Abituare il proprio bambino ad un rituale pre-nanna, che asseconda i suoi ritmi naturali di sonno/veglia, lo aiuta a tranquillizzarsi e a fare sonni profondi.

 

Infatti, ripetere quotidianamente certi gesti e certe abitudini, come può essere il rito della buonanotte, tranquillizza, rassicura e rilassa il bambino.

È importante che durante la giornata il bambino non sia iperstimolato da spostamenti o troppe attività, perché questi potrebbero agitarlo e rendere faticoso il momento della messa a nanna.  

 

Il rito della buonanotte

Fin dalla nascita è importante abituare il bambino ad un rituale breve e rassicurante che accompagni la messa a nanna. Bagnetto, massaggio, libro e bacio della buonanotte può essere un esempio!

 

Bagnetto

Il contatto con l’acqua calda (38°C circa), magari con l’aggiunta di oli vegetali ad effetto calmante e lenitivo come possono essere la calendula e le mandorle dolci, rilassa e tranquillizza il bambino, preparandolo alla nanna.

 

Massaggio

Coccole e massaggi sono una parte importante del rituale pre-nanna con cui trasmettere al piccolo il proprio affetto, soprattutto se neonato, in quanto abituato al contatto fisico e alle gestualità (abbraccio, carezze, senso di protezione) dell’allattamento.

 

Nei bambini più grandi, il contatto fisico lascia progressivamente spazio alla parola, che si fa fiaba, storia, racconto, filastrocca. È il tempo della lettura di un libro.

 

Libro

La lettura pre-nanna è un momento di condivisione: di valori, storie, esperienze. Ma è anche un momento durante il quale il piccolo sviluppa il proprio linguaggio e le proprie emozioni.

Calmato dalla voce rassicurante del genitore, il bambino si lascerà cullare nelle braccia di Morfeo.

 

Bacio della buonanotte

Una volta spenta la luce, fai ancora qualche coccola sulla schiena o sulla fronte del tuo bambino – gesti leggeri e brevi – e dagli il bacio della buonanotte, che lo accompagnerà nel mondo dei sogni.

 

Fermezza e risolutezza nella messa a nanna

Per farti ascoltare dal tuo bambino sii gentile ma risolutiva. Non porre il tuo bambino davanti a scelte come “vuoi andare a nanna?” perché in questo modo trasmetti insicurezza, rendendo a sua volta il tuo piccolo insicuro. Sii tu a decidere per il bene del tuo bambino! Quando è il momento della messa a letto, comunicalo al tuo bambino in modo dolce e sicuro, puoi utilizzare ad esempio la frase “Ora è il momento della nanna”, una frase semplice che trasmette tranquillità.

 

Ansia da separazione e nanna

Il rito della buonanotte aiuta anche i bambini che soffrono di ansia da separazione a recuperare il giusto rapporto con il momento della nanna.   

Infatti, ripetere gesti e azioni, o dormire vicino al proprio bambino (leggi qui “I benefici di Co-sleeping e Room-sharing”), trasmette loro conforto, prevenendo ogni timore di abbandono.