Le punizioni ai bambini: perché non sono più efficaci

Le punizioni ai bambini: perché non sono più efficaci
Tempo di lettura: 2 minuti

Castighi e punizioni un tempo venivano usati come momento di crescita dei bambini, che prendevano così coscienza delle proprie azioni e dei propri errori. Oggigiorno il ruolo e l’efficacia delle punizioni è cambiato, vediamo come.

 

La punizione: cos’è e come funziona

La punizione è un metodo, un intervento educativo di correzione nei confronti del bambino basato sull’applicazione di un castigo (una pena) da parte di figure autorevoli come i genitori o i docenti.

 

Si può punire il bambino per diverse ragioni: disubbidienza, parolacce o linguaggio scurrile, bugie, violenza…

 

E lo si fa privandolo di qualcosa a cui tiene in modo particolare.

 

Diverse modalità di punizione

Sono diverse le modalità con cui si può punire un bambino:

  • Sculacciate
  • Isolamento, generalmente lo si manda nella propria camera a “sbollire”
  • Privazione di un pasto, che sia il pranzo o la cena, non è nuova la frase “vai a letto senza cena!”
  • Rimprovero con toni duri
  • Coinvolgimento in attività che non ama fare

 

Punire oggi

Ogni singolo caso è a sé e le eccezioni non mancano, tuttavia oggigiorno l’intero sistema di punizioni è cambiato. Se in passato si era più severi e repressivi, oggi la tendenza è quella di modalità più morbide.

 

Non solo, pare che al giorno d’oggi le punizioni siano meno efficaci che in passato.

 

L’opinione pubblica è divisa a metà, tra i sostenitori delle punizioni e coloro che non le ritengono un efficace strumento educativo.

 

Perché punire ha perso la sua efficacia: studi a supporto

Secondo recenti studi sembra che le punizioni, una volta ricevute, inducano il bambino a fare le cose di nascosto e dire più bugie. Questo per timore che i genitori possano metterli in castigo. Perdono così la loro efficacia iniziale.

 

Come possono reagire i bambini alle punizioni

Ogni bambino reagisce a suo modo alle punizioni, tuttavia si possono identificare dei tratti comuni:

  • Senso di colpa e insicurezza: il bambino può veder diminuita la propria autostima e sentirsi insicuro,
  • Aggressività: se si sente ferito, il bambino potrebbe trasformare la propria insicurezza in rancore verso l’adulto e, in alcuni casi, diventare aggressivo,
  • Perseveranza nell’errore: se non comprende le motivazioni alla base della punizione, potrebbe continuare con l’attività per cui è stato sgridato,
  • Solitudine e smarrimento: il piccolo può sentirsi solo o tradito da chi gli vuole bene

 

 

 

Alternative alla punizione

La formula vincente per educare i più piccoli non esiste. Ma esistono delle alternative educative alle punizioni per cui il bambino deve imparare a ragionare in modo critico su quello che ha fatto.

 

Se si è comportato in modo sbagliato, l’adulto deve farlo notare al bambino in modo che possa riflettere sull’errore commesso.

 

A tal proposito è importante instaurare un rapporto di fiducia con il piccolo, affinché ascolti e comprenda i motivi del perché l’adulto lo ha sgridato.

 

Cosa non deve mancare:

  • Ascolto reciproco
  • Analisi delle cause e delle possibili conseguenze delle azioni
  • Comprensione
  • Applicazione di buone pratiche

 

Sono questi degli elementi alla base di una crescita equilibrata, per diventare un adulto aperto al confronto e all’autocritica.

 

Per approfondimenti

Disciplining your child

 

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

2 × 1 =