Depressione post partum legata al dolore della madre dopo il parto

Depressione post partum legata al dolore della madre dopo il parto
Tempo di lettura: 2 minuti

Si sa che il parto è un evento doloroso, alle volte traumatico, per una donna ma spesso si trascura il dopo.

Alcune ricerche hanno dimostrato che il dolore associato al parto può aumentare il rischio di depressione post partum, ma non ha specificato quale parte del processo del travaglio (per esempio, prima, durante o dopo il parto) possa essere la fonte del problema. 

Aiutare le neo mamme a gestire il dolore dopo la nascita del bambino

Un team di ricercatori ha voluto approfondire l’argomento e ha analizzato le differenze del dolore del travaglio, del parto e del periodo successivo collegato allo sviluppo della depressione postpartum.

Per molti anni ci siamo preoccupati di come gestire il dolore del travaglio, ma il dolore durante il  recupero viene trascurato“, ha detto Jie Zhou, MD, MBA, autore principale dello studio e assistente professore di anestesia presso Brigham and Women’s Ospedale e Harvard Medical School, Boston. “La nostra ricerca suggerisce che dobbiamo concentrarci maggiormente sull’aiutare le neo mamme a gestire il dolore dopo la nascita del bambino“.

La depressione post partum

I sintomi della depressione postpartum – tra cui estrema tristezza, bassa energia, ansia, episodi di pianto, irritabilità e cambiamenti nel sonno o nei modelli alimentari – riguardano circa 1 donna su 9, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). La depressione post partum può portare a tassi più bassi di allattamento al seno e scarso legame con il bambino.

Una serie di fattori può contribuire alla depressione postpartum. I ricercatori hanno determinato la depressione postpartum era più alta tra le donne che:

  •  erano in sovrappeso o obese; 
  •  soffrivano di un perineo lacerato (l’area adiacente all’apertura vaginale); 
  • hanno avuto una storia di depressione, ansia o dolore cronico; 
  • i cui bambini erano più piccoli e avevano punteggi Apgar più bassi (un sistema di punteggio usato per valutare la salute fisica dei neonati un minuto e cinque minuti dopo la nascita).

Lo studio

Il gruppo di ricerca del Dr. Zhou ha esaminato i punteggi del dolore (dall’inizio del travaglio fino alla dimissione ospedaliera) per 4.327 madri e li hanno confrontati con i punteggi del dolore rilevati ad una settimana dopo il parto.

Le madri con depressione post partum hanno dimostrato più disturbi legati al dolore durante il recupero e spesso hanno avuto bisogno di ulteriori farmaci antidolorifici.

Mentre l’ibuprofene e farmaci simili  per il dolore sono considerati adeguati per il controllo del dolore dopo il parto, chiaramente alcune donne hanno bisogno di ulteriore aiuto nella gestione del dolore“, ha detto il dottor Zhou. “Abbiamo bisogno di fare un lavoro migliore identificando chi è a rischio per il dolore post partum e assicurarsi di avere un’adeguata assistenza anche nel periodo di recupero“.

Fonti:

https://www.asahq.org/about-asa/newsroom/news-releases/2018/10/postpartum-pain-and-depression

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

diciotto − diciotto =