Predire il rischio di autismo per le donne incinte

Predire il rischio di autismo per le donne incinte
Tempo di lettura: 2 minuti

I ricercatori del Rensselaer Polytechnic Institute – guidati da Juergen Hahn, professore e capo dell’ingegneria biomedica – stanno facendo notevoli passi in avanti nella ricerca sul disturbo dello spettro autistico (ASD).

Attualmente non esiste un test per le future mamme in grado di prevedere la probabilità di avere un bambino a cui verrà diagnosticato l’ASD.  

Stime recenti indicano che se una madre ha avuto in precedenza un figlio con ASD, il rischio di avere un secondo figlio con ASD è di circa il 18,7%, mentre il rischio di ASD nella popolazione generale è di circa l’1,7%.

Tuttavia,” ha detto Hahn, membro del Rensselaer Center for Biotechnology and Interdisciplinary Studies, “sarebbe altamente auspicabile se fosse possibile effettuare una previsione basata su misurazioni fisiologiche per determinare quale gruppo di rischio rientri in una potenziale madre“.

Lo studio

Il lavoro di Hahn nello sviluppo di un test fisiologico per predire il rischio di autismo fa parte di uno studio più ampio sull’Alzheimer e sulle malattie neurodegenerative svolto presso il Center for Biotechnology and Interdisciplinary Studies.

I ricercatori hanno concluso che mentre non è possibile determinare durante una gravidanza se a un bambino verrà diagnosticata una ASD entro i 3 anni, hanno scoperto che le differenze nei metaboliti plasmatici sono indicative del rischio relativo (18,7% vs 1,7%) per avere un bambino con ASD.

Questi sono risultati entusiasmanti in quanto suggeriscono differenze in alcuni processi metabolici che potenzialmente svolgono un ruolo nell’aumentare il rischio di avere un bambino con ASD“, ha detto Hahn.

Questa nuova ricerca fa seguito a uno studio precedente pubblicato nel 2017, che ha sviluppato un algoritmo basato sui livelli di metaboliti trovati in un campione di sangue che può prevedere con precisione se un bambino è nello spettro autistico. Uno studio di follow-up questa primavera è stato anche molto promettente nel valutare se un bambino è nello spettro autistico. Questi risultati hanno il potenziale per una diagnosi più precoce dell’ASD e sono in corso degli sforzi per sviluppare un test disponibile in commercio basato su questi risultati.

Fonti:
https://news.rpi.edu/content/2018/09/21/latest-research-hints-predicting-autism-risk-pregnant-mothers
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1750946718301375?via%3Dihub

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

diciassette − dodici =