Le donne con malattie cardiache dovrebbero partorire entro le 40 settimane

Le donne con malattie cardiache dovrebbero partorire entro le 40 settimane
Tempo di lettura: 3 minuti

Le donne in gravidanza con malattie cardiache dovrebbero partorire entro e non oltre 40 settimane di gestazione. Questa è una delle raccomandazioni delle linee guida 2018 European Society of Cardiology (ESC) per la gestione delle malattie cardiovascolari durante la gravidanza pubblicate sull’ European Heart Journal e sul sito Web ESC.

Oltre le 40 settimane, la gravidanza non ha alcun beneficio aggiuntivo per il bambino e può anche avere effetti negativi“, ha affermato il professor Jolien Roos-Hesselink, Co-presidente della Task Force e cardiologo delle linee guida, Erasmus Medical Centre Rotterdam, dei Paesi Bassi. “La gravidanza è un periodo rischioso per le donne con malattie cardiache perché causa ulteriore stress al cuore, quindi le linee guida consigliano di indurre il parto o fare un taglio cesareo a 40 settimane“.

Malattie cardiache in gravidanza: prima causa di decesso

Le malattie cardiache sono la ragione principale per cui le donne muoiono durante la gravidanza nei paesi occidentali. Rispetto alle donne in buona salute, le persone con malattie cardiache hanno un rischio 100 volte maggiore di morte o insufficienza cardiaca. La maggior parte delle donne con malattie cardiache ha una gravidanza sana. Tuttavia, devono essere consapevoli del fatto che hanno un rischio più elevato di complicanze ostetriche tra cui parto prematuro, pre-eclampsia e sanguinamento post-partum. Si stima che il 18-30% dei nascituri abbia complicazioni e fino al 4% dei neonati non sopravvivono.

Le cardiopatie in gravidanza aumentano in quanto un numero maggiore di donne con cardiopatie congenite raggiunge l’età adulta grazie al miglioramento dei trattamenti. I fattori di rischio cardiovascolari inclusi ipertensione, diabete e sovrappeso sono anch’essi in aumento in gravidanza contribuendo a maggiori fattori di rischio ad un’età più giovane.

Fecondazione in vitro (FIV), contraccezione e termine della gravidanza nelle donne con malattie cardiache

La FIV spesso usa alte dosi di ormoni, che aumentano il rischio di trombosi e insufficienza cardiaca, quindi le donne con malattie cardiache hanno bisogno della conferma di un cardiologo che il metodo scelto sia sicuro. Dal momento che portare più di un bambino mette più stress sul cuore, le donne con cardiopatia in fase di fecondazione in vitro sono vivamente consigliate di trasferire un singolo embrione.

Le donne con cardiopatia congenita hanno bisogno di un contraccettivo per evitare una gravidanza non pianificata. Alcuni metodi di contraccezione sono controindicati nei pazienti con determinati tipi di malattie cardiache.

Per i farmaci usati per il trattamento delle malattie cardiache, le linee guida elencano le informazioni sugli eventi avversi ottenuti da studi su animali e non. Inoltre, le linee guida dichiarano: “In caso di emergenza, i farmaci che non sono raccomandati dall’industria farmaceutica durante la gravidanza e l’allattamento non dovrebbero essere necessariamente negati alla madre, il potenziale rischio di un farmaco e il possibile beneficio della terapia devono essere pesati con grande scrupolo“.

La prof.ssa Vera Regitz-Zagrosek, presidente della Task Force delle linee guida e direttore dell’Istituto per la medicina di genere, Charité University Medical Center di Berlino, Germania, ha dichiarato: “Quando le aziende farmaceutiche non hanno dati sulla sicurezza di un farmaco durante la gravidanza e l’allattamento direi che non è raccomandato. Può essere appropriato somministrare un farmaco a una donna gravemente ammalata solo se non ci sono effetti collaterali dannosi annotati nei database elencati nelle linee guida. “

La gravidanza non è raccomandata in pazienti con determinati tipi di patologie cardiache – ad esempio, ipertensione arteriosa polmonare, aorta gravemente dilatata o capacità del cuore di ridurre drasticamente la capacità di pompare sangue.

Bisogna sempre valutare il rischio

Le donne con malattie cardiache che desiderano avere un bambino hanno bisogno di una valutazione del rischio e di un counseling pre-gravidanza. Quelle a rischio moderato o alto di complicanze dovrebbero essere esaminate da un team di medici con un cardiologo, un ostetrico, un ginecologo e un anestesista. Un “piano d’azione” dovrebbe essere concepito a 20-30 settimane specificando il parto vaginale o il parto cesareo, se verrà utilizzata un’epidurale o una pinza e la durata della degenza ospedaliera dopo il parto.

Il professor Roos-Hesselink ha dichiarato: “Il piano d’azione dovrebbe essere disponibile 24 ore al giorno in modo che quando una donna incinta con una malattia cardiaca arriva in ospedale il personale ospedaliero sa esattamente cosa fare“.

Professor Regitz-Zagrosek: “Speriamo che le linee guida miglioreranno la consapevolezza dei medici sui rischi di malattie cardiache in gravidanza, ma anche le opzioni terapeutiche disponibili per guidare la gravidanza in queste donne“.

Fonti:

https://www.escardio.org/The-ESC/Press-Office/Press-releases/pregnant-women-with-heart-disease-should-give-birth-at-no-later-than-40-weeks-gestation

https://academic.oup.com/eurheartj/advance-article/doi/10.1093/eurheartj/ehy340/5078465

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

quattordici − 2 =