La vitamina C può ridurre il danno del fumo durante la gravidanza?

La vitamina C può ridurre il danno del fumo durante la gravidanza?
Tempo di lettura: 2 minuti

Secondo uno studio supplementi quotidiani di vitamina C potrebbero mitigare alcuni dei danni causati dal fumo allo sviluppo del polmone fetale durante la gravidanza.

Il primo obiettivo del clinico per chi si prende cura dei fumatori in stato di gravidanza è cercare di convincerli a rinunciare all’abitudine, ha sottolineato Cindy McEvoy, MD, dell’Oregon Health & Science University in Portland. Ma, ha aggiunto, che la realtà è che molte donne non possono o non vogliono smettere di fumare durante la gravidanza.Si stima che circa il 10% delle donne incinte fumino negli Stati Uniti durante la gravidanza, e in alcune popolazioni la percentuale arriva al 30% o al 35%.

Lo studio

A 3 mesi di età, i neonati nati da donne in gravidanza che assumevano 500 mg / die di vitamina C in aggiunta ad una vitamina prenatale standard avevano una funzionalità polmonare significativamente migliore rispetto ai bambini nati da fumatori randomizzati per ricevere placebo al posto della vitamina C.

Uno studio precedente aveva dimostrato che la supplementazione di vitamina C era protettiva in un gruppo di neonati (72 ore) nati da donne che fumavano durante la gravidanza.

Molte delle donne nel nostro studio hanno iniziato a fumare in giovane età“, ha detto la McEvoy. “Le fumatrici in gravidanza tendono a provenire da popolazioni più svantaggiate ed alcune avevano anche altre dipendenze. “

Durante lo studio randomizzato, le partecipanti in stato di gravidanza hanno ricevuto la consulenza per smettere di fumare e circa il 10% ha smesso di fumare durante lo studio.

Lo studio in doppio cieco, controllato con placebo è stato condotto in tre centri e comprendeva 251 fumatrici in gravidanza randomizzate a 13-23 settimane di gestazione con vitamina C (500 mg / die) o con placebo.

Conclusioni

McEvoy ha dichiarato a MedPage Today che i risultati supportano l’ipotesi che la nicotina sia responsabile dei meccanismi ossidativi nell’utero sullo sviluppo del polmone.

Al momento della randomizzazione, entrambi i gruppi di fumatori in gravidanza nello studio avevano livelli di acido ascorbico a digiuno di 49 μmol / L che erano diminuiti rispetto ai livelli riportati per le donne non fumatrici (58 μmol / L), in linea con l’aumento del carico ossidativo associato al fumo.

Le donne incinte randomizzate alla vitamina C supplementare avevano significativamente aumentato i livelli di acido ascorbico a digiuno a 26 e 32 settimane di gestazione rispetto al basale simile ai livelli tipicamente riportati nelle donne non fumatori.

La McEvoy e colleghi hanno pubblicato  sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine il loro studio.

Fonte:https://www.atsjournals.org/doi/abs/10.1164/rccm.201805-1011OC

Lascia un commento

diciassette − uno =