La paura del parto

0
8.060 views
La paura del parto

La paura del parto e della gravidanza, chiamata anche tocofobia, è una delle più grandi paure delle donne in dolce attesa, che può avere effetti sia sulla mamma che sul futuro rapporto con il bambino.

 

A soffrirne sarebbero 14 donne su 100, secondo una ricerca della Nordic Federation of Societies of Obstetrics and Gynecology su 853.988 future madri di 18 Paesi diversi.

La paura del parto

È normale avere incertezze sulla gravidanza e sulla nascita di un figlio. Così come essere in ansia e preoccupate per il momento del parto. Tuttavia, quando queste paure diventano travolgenti e profonde, possono rovinare la gravidanza.

È dunque importante che le donne in attesa siano consapevoli di poter trovare l’aiuto e il supporto di cui hanno bisogno in diverse figure: ostetriche, counselor, familiari.

 

Paura e paura

Gli studiosi riconoscono due tipologie di paura del parto:

  • tocofobia primaria, che colpisce le donne che non sono ancora diventate mamme
  • tocofobia secondaria, che coinvolge le donne già mamme ma che hanno avuto una precedente esperienza traumatica

 

Paura del parto: le origini

La paura del parto può essere scatenata da esperienze traumatiche del passato o dall’ascolto di testimonianze di altre donne che hanno avuto parti e gravidanze difficili.

Per tutte coloro che hanno alle spalle già una gravidanza, questa paura potrebbe essere dovuta ad una precedente esperienza negativa che le ha traumatizzate e che non vogliono si ripeta.

 

Conseguenze della tocofobia

Diverse possono essere le conseguenze per mamma e bambino:

  • le donne spaventate dal parto possono vivere male la gravidanza
  • altre possono insistere per partorire con taglio cesareo
  • altre ancora soffrire di ansia, insonnia, disturbi alimentari e depressione (pre e post natale)
  • in alcuni casi, la paura del parto influenza e peggiora il parto stesso, rendendo il travaglio più lungo del dovuto

 

Anche il rapporto con il neonato viene influenzato da queste paure, la neomamma, infatti, potrebbe sviluppare un legame poco soddisfacente con il proprio piccolo.

 

Un aiuto per le donne in gravidanza

La buona notizia è che tutte le donne in dolce attesa o vicine al parto possono trovare un aiuto, un supporto in questi momenti di sconforto.

L’approccio è diverso da donna a donna: alcune preferiscono parlare delle proprie esperienze e traumi, altre raccogliere il maggior numero di informazioni su gravidanza e parto. Validi aiuti in tal senso sono i reparti maternità, le ostetriche, i counselor, i familiari

Ciò che è più importante è che tutte le donne e future mamme devono essere consapevoli di non essere da sole nell’affrontare la gravidanza e il parto. Una consapevolezza che può essere molto utile per superare le difficoltà.

 

Per approfondimenti:

Nordic Federation of Societies of Obstetrics and Gynecology