La dieta materna durante la gravidanza può influenzare il rischio di ADHD nei bambini

La dieta materna durante la gravidanza può influenzare il rischio di ADHD nei bambini
Tempo di lettura: 2 minuti

I risultati di uno studio condotto da un gruppo del Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal), suggeriscono che il rischio di un bambino che sviluppa sintomi di disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) può essere modulato dalla dieta della madre durante la gravidanza.

Lo studio

Lo studio, pubblicato sul Journal of Pediatrics, ha analizzato campioni di plasma del cordone ombelicale per quantificare i livelli di omega-6 e omega-3 che raggiungono il feto. L’analisi statistica ha mostrato un più alto tasso di omega-6 rispetto agli omega-3 da associare ad un più alto rischio di sintomi di ADHD a sette anni di età.

Omega-6 e omega-3 sono acidi grassi polinsaturi a catena lunga che svolgono un ruolo cruciale nella funzione e nell’architettura del sistema nervoso centrale, in particolare durante le fasi successive della gestazione. Questi due acidi grassi competono per l’incorporazione nelle membrane cellulari e sono principalmente ottenuti attraverso la dieta. Poiché omega-6 e omega-3 hanno funzioni fisiologiche opposte – la prima promuove gli stati pro-infiammatori sistemici, mentre la seconda promuove gli stati anti-infiammatori – un apporto equilibrato di questi due acidi grassi è importante.

Ricerche precedenti avevano dimostrato che i bambini con sintomi di ADHD avevano un più alto tasso di omega-6 rispetto agli omega-3.

Gli autori hanno studiato i dati di 600 bambini che vivono in quattro regioni spagnole (Asturie, Paesi Baschi, Catalogna e Valencia) che partecipano al Progetto INMA. Hanno analizzato campioni di plasma del cordone ombelicale e dati ricavati da questionari compilati dalle madri dei bambini. I sintomi dell’ADHD sono stati valutati utilizzando due questionari standard: il primo completato dagli insegnanti dei bambini all’età di quattro anni e il secondo dai genitori all’età di sette anni.

Risultati

I risultati hanno mostrato che, all’età di sette anni, il numero di sintomi di ADHD è aumentato del 13% per ogni unità di aumento del rapporto omega-6: omega-3 nel plasma del cordone ombelicale. Lo studio ha analizzato il numero di sintomi nei bambini che hanno soddisfatto i criteri diagnostici per l’ADHD (almeno sei sintomi) e anche nei bambini con un numero inferiore di sintomi di ADHD. Il rapporto tra i due acidi grassi era associato al numero di sintomi ADHD presenti ma non alla diagnosi del disturbo.

Conclusioni

I nostri risultati sono in linea con precedenti studi che hanno stabilito una relazione tra il rapporto omega-6 e omega-3 nelle madri e vari esiti dello sviluppo neurologico precoce“, ha commentato Mónica López-Vicente, ricercatrice ISGlobal e autrice principale dello studio.

Se una grande percentuale della popolazione è esposta ad un alto rapporto omega-6: omega-3, la distribuzione per i punteggi dei sintomi di ADHD dovrebbe spostarsi verso destra e la prevalenza di valori estremi aumenterebbe, determinando un impatto negativo sui costi e produttività della salute della comunità ” ha osservato la  López-Vicente.

Questo studio aggiunge ulteriori prove al crescente corpo di ricerca sull’importanza della dieta materna durante la gravidanza“, ha commentato il ricercatore ISGlobal Jordi Júlvez, un co-autore dello studio. “L’apporto di sostanze nutritive durante le prime fasi della vita è essenziale in quanto programma la struttura e la funzione degli organi, e questa programmazione, a sua volta, ha un impatto sulla salute in ogni fase della vita“.

Fonti:

https://www.jpeds.com/article/S0022-3476(19)30246-X/fulltext

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

uno × cinque =