Ipnobirthing: per un parto senza paura

0
276 views
Esercizi in gravidanza: addio dolori e fastidi

Una delle preoccupazioni più comuni delle donne che stanno per diventare madri è la durata del travaglio. Vorremmo quindi parlarvi di una tecnica di ipnosi che riduce la paura, l’ansia e lo stress delle future mamme, durante il travaglio ed il parto.


Cosa dovresti sapere sull’ipnobirthing

Il termine “ipnobirthing” fu proposto dall’ostetrico britannico Grantly Dick-Read nel 1930 tuttavia, la moderna tecnica di ipnobirthing è stata sviluppata dall’ipnoterapeuta Marie Mongan nel 1989. 

Il principio fondamentale di questa filosofia parte dalla convinzione che ogni donna ha in sé il potere di invocare il suo naturale istinto materno per far nascere i suoi bambini con gioia e conforto, in modo naturale. In questo modo, la futura mamma considera il travaglio positivamente, con la ferma convinzione che non debba essere un processo doloroso.

In cosa consiste l’ipnobirthing

Questo metodo si concentra su una serie di lezioni di autoipnosi che insegnano tecniche di rilassamento profondo e visualizzazione. Lo scopo è liberare la futura madre dalle sue paure e, allo stesso tempo, di convincere la sua mente, attraverso la meditazione, l’immaginazione guidata e la respirazione profonda, che il parto è un’esperienza di vita.

 Alle donne viene insegnato a pensare in modo diverso : le contrazioni diventano “onde uterine“, mentre la spinta diventa “respiro alla nascita“.

Questa pratica insegna anche alle donne a immaginare scenari positivi e rilassanti. Ad esempio, con la “tecnica del guanto d’argento“, in cui le donne immaginano di indossare un guanto d’argento che provoca formicolio alla mano, insensibilità e rilassamento. Quindi visualizzano quella sensazione che viaggia lungo il braccio. Possono anche diffondere l’intorpidimento in tutto il corpo.

Benefici del parto senza paura

Secondo i rapporti tra il 2005 e il 2010 dell’Istituto di HypnoBirthing, le donne che hanno usato questa tecnica hanno sperimentato meno dolore, un travaglio più veloce  e hanno trascorso meno giorni in ospedale.

Naturalmente, il successo di questi risultati dipende dall’allenamento che le madri fanno durante il primo o il secondo trimestre delle loro gravidanze.
Anche secondo uno studio pubblicato dall’American Journal of Clinical Hypnosis, l’ipnosi è utile per aiutare le donne in gravidanza durante il travaglio e il periodo postpartum.

Fonti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4744344/

https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/00029157.2017.1280659?src=recsys&journalCode=ujhy20

https://docs.wixstatic.com/ugd/543557_ae9b8b411b3a436b9da673f38bce0660.pdf