Cinque misteri sul latte materno

Cinque misteri sul latte materno

Il poco che sappiamo sull’allattamento al seno ci dice molto: immaginate se ne sapessimo di più.

Latte materno

Il latte materno, ricco di un mix squisitamente su misura di grassi, proteine, vitamine e minerali, fornisce al neonato tutti gli elementi nutritivi di cui ha bisogno.

Il latte materno è pensato per proteggere dalle malattie, creare un sistema digestivo sano e persino influenzare il comportamento di un bambino.

“Eppure sappiamo ancora poco di questa sostanza così importante rispetto a quanto potremmo […] Il latte materno non è stato una priorità di ricerca” afferma la ricercatrice Katie Hinde della Arizona State University.

Ma la ricerca sta prendendo piede. Ecco cinque misteri sul latte materno su cui gli scienziati stanno indagando.

Cinque misteri sul latte materno

Allattare bambini malati

È risaputo che il latte umano (così come il colostro, liquido che le madri producono nei primi giorni dopo la nascita) fornisce al neonato dei fattori protettivi, come gli anticorpi, per aiutarlo a prevenire le infezioni.

La ricerca suggerisce che le componenti immunitarie nel latte potrebbero aumentare quando i bambini ne hanno più bisogno. A rivelarlo uno studio del 2013: quando le mamme e i bambini avevano entrambi il raffreddore, c’è stato un aumento significativo dei livelli di globuli bianchi nel latte.

Un secondo studio ha rilevato un aumento della lattoferrina – una molecola immunitaria che svolge una varietà di funzioni protettive – nelle settimane precedenti e successive a quando il bambino era ammalato.

Quale meccanismo è alla base di queste variazioni nella composizione del latte materno?

La spiegazione più probabile è che la saliva infantile, che viaggia attraverso i dotti mammari della madre, porti un rapporto sullo stato di salute del bambino. “Quando la saliva del bambino viene trasferita al seno … è logico che anche l’agente patogeno che sta causando la malattia venga trasferito” dice Kakulas, biologo cellulare e ricercatore di allattamento presso l’Università dell’Australia Occidentale.

Segnali di sonno nel latte

Come i neogenitori sanno bene, i bambini non nascono con un regolare ciclo sonno-veglia. In che modo il latte materno aiutare a regolarizzare questo ciclo?

Sia l’ormone del sonno, la melatonina, sia il suo precursore, il triptofano, sono presenti nel latte materno umano e potrebbero aiutare i bambini a regolarizzare il ciclo sonno- veglia.

Uno studio del 2016 ha rilevato che i livelli di melatonina erano, in media, quasi cinque volte più alti nel latte materno prodotto durante la notte rispetto al giorno.

Un altro rapporto, nel 2017, ha rilevato che i livelli degli ormoni cortisone e cortisolo erano più elevati nel latte materno mattutino, rispetto a quello prodotto al pomeriggio e alla sera.

Sapevi che… sia il cortisone che il cortisolo sono coinvolti nella risposta dell’organismo allo stress. Il cortisolo, in particolare, serve a dare il via alla nostra fisiologia quando è ora di svegliarsi.

Non è ancora chiaro se questi segnali permettano effettivamente al ritmo quotidiano di una madre di modellare il ciclo sonno-veglia del bambino” dice Hinde.

Inoltre non è chiaro cosa possa significare e quali siano gli effetti della mancanza di queste sostanze chimiche nei bambini che assumono latte artificiale.

Nutrire il microbioma intestinale

Il latte materno non è solo l’alimento per i bambini, è nutrimento anche per i trilioni di microbi e batteri che compongono il loro microbioma intestinale.

Ricerche recenti suggeriscono che il latte materno potrebbe essersi evoluto per favorire la crescita di microbi che aiutano a mantenere sani i bambini.

Il terzo costituente del latte materno non è lì per nutrire i bambini – è lì per nutrire i microbi“, afferma il microbiologo David Mills dell’Università della California, Davis.

Quando parla di ‘terzo elemento’ si riferisce agli oligosaccaridi di latte umano, catene complesse di zuccheri presenti nel latte materno.Questi zuccheri complessi rafforzano i tipi di batteri intestinali in grado di digerire i composti in acidi grassi a catena corta – quelli di cui i bambini hanno maggiore bisogno.

La composizione degli zuccheri complessi nel latte materno potrebbe prevenire future allergie alimentari del bambino.

Alcune criticità

Non è ancora chiaro ciò che definisce un microbioma intestinale sano, o come il sistema cambi quando i bambini si sviluppano.

Inoltre gli scienziati non sono d’accordo sulla composizione iniziale del microbioma: i microbi chiave vengono consegnati all’intestino non colonizzato del neonato attraverso il latte materno, o vengono da altre fonti come il liquido amniotico o dalla pelle della madre?

Variazioni nel latte

Il latte materno non è mai uguale, varia a seconda dei livelli di proteine, grassi, zuccheri, ormoni e altri componenti. Ma il latte materno non differisce solo da madre a madre. Può anche differire quando la stessa donna allatta bambini diversi e nel corso dello sviluppo di un bambino. Può anche cambiare a seconda del sesso di un bambino.

Lavorando con scimmie rhesus, Hinde ha scoperto che le madri producono più latte per la prole femminile, e un latte più ricco di grassi per la prole maschile. Ha visto differenze di sesso simili quando ha analizzato i dati di lattazione di oltre un milione di mucche.


Se questo tipo di differenze avessero riscontro nel latte materno, la comprensione potrebbe aiutare ad ottimizzare la formula o il latte dei donatori per i bambini che non possono essere allattati dalla loro madre” afferma Hinde. Gli scienziati hanno appena iniziato a caratterizzare questa variazione e i fattori che la guidano.

Un po’ di cellule staminali

Nel 2007, gli scienziati hanno scoperto un ingrediente inaspettato nel latte materno umano: le cellule staminali.

Cellule staminaliQueste cellule mantengono la flessibilità che la maggior parte delle cellule adulte perdono e possono formare un’ampia varietà di tessuti.

In un laboratorio, gli scienziati hanno coltivato cellule staminali estratte dal latte materno umano e le hanno indirizzate a formare delle bolle simili a organi con terminazioni sferiche che ricordano gli alveoli che formano le ghiandole mammarie. Questi organoidi potrebbero persino produrre latte.

Nessuno sa ancora come queste cellule influenzino lo sviluppo infantile o cosa succede ai bambini che non le assumono – un altro mistero da aggiungere alla lista di cose che vorremmo sapere.

Fonte:
https://www.knowablemagazine.org/article/health-disease/2018/five-mysteries-about-breast-milk

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

tre + quattordici =