Antidolorifici in gravidanza: possono anticipare la pubertà

Antidolorifici in gravidanza: possono anticipare la pubertà
Tempo di lettura: 2 minuti

Lo sapevi che l’assunzione di paracetamolo potrebbe essere causa di pubertà precoce e quindi gravi malattie in età adulta alla tua bambina?

Per quante più settimane le donne assumono antidolorifici in gravidanza prima le loro figlie entrano nella pubertà. Lo  dimostra un nuovo studio dell’Università di Aarhus.

Seno, brufoli e mestruazioni, crescita dei peli e sbalzi d’umore imprevedibili. Benvenuti alla pubertà, che per la maggior parte delle ragazze inizia quando hanno circa dieci o undici anni – o anche prima – se la madre durante la gravidanza ha preso antidolorifici con paracetamolo .

Lo studio

I ricercatori dell’Università di Aarhus hanno esaminato, per primi al mondo, la correlazione tra l’assunzione del paracetamolo analgesico durante la gravidanza e lo sviluppo puberale di ragazze e ragazzi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista internazionale American Journal of Epidemiology.

Abbiamo trovato una correlazione dose-risposta, cioè per quante più settimane viene assunto il paracetamolo in gravidanza, prima arriva la pubertà nelle ragazze, ma non nei ragazzi“, afferma il dottorando Andreas Ernst del Dipartimento di sanità pubblica dell’Università di Aarhus , che si è occupato dello studio.

Lo studio si basa sulla più ampia raccolta di dati sulla pubertà nel gruppo di ricerca danese (BSIG.dk). Un gruppo di circa 100.000 donne ha fornito informazioni dettagliate sul loro uso del paracetamolo per tre volte durante la gravidanza. Un totale di 15.822 bambini, 7.697 ragazzi e 8.125 ragazze nate da queste madri tra il 2000 e il 2003 è stato seguito dall’età di undici anni e durante la pubertà con questionari ogni sei mesi su diversi aspetti del loro sviluppo.

Pubertà precoce

Lo studio ha dimostrato che se la madre in gravidanza aveva preso antidolorifici per più di dodici settimane le ragazze sono entrate in pubertà in media tra un anno e mezzo e tre mesi prima.

L’ingresso nella pubertà da uno e mezzo a tre mesi prima può sembrare irrilevante, se considerati insieme all’uso frequente di paracetamolo durante la gravidanza, i nostri risultati dovrebbero far sì che le persone prendano nota: i nostri risultati non sono certamente il fattore decisivo che dovrebbe cambiare la pratica attuale, ma la percezione del paracetamolo come “scelta sicura e innocua” durante la gravidanza dovrebbe essere messa alla prova “, spiega Andreas Ernst.

In tutto il mondo, il consumo medio di paracetamolo è aumentato e gli studi suggeriscono che oltre il cinquanta per cento delle donne in gravidanza fa uso di antidolorifici contenenti paracetamolo almeno una volta durante la gravidanza.

Poiché in precedenza lo sviluppo puberale era stato associato a un aumento del rischio di malattie più frequenti e gravi in ​​età adulta come obesità, diabete, malattie cardiovascolari e cancro ai testicoli e al seno, è importante identificare le possibili cause della pubertà precoce in modo da prevenire questo sviluppo “, afferma Andreas Ernst.

Fonti:
http://dx.doi.org/10.1093/aje/kwy193

Lascia un commento

15 + quindici =