Saper leggere: scoperto il dialogo tra diverse aree del cervello

Saper leggere: scoperto il dialogo tra diverse aree del cervello
Tempo di lettura: 3 minuti

Un nuovo studio mostra che la lettura è uno “sforzo di squadra”, con diverse parti del cervello che lavorano insieme come una rete. Le mutevoli connessioni in questa rete possono prevedere l’abilità di lettura dei bambini.

Scrivi una frase. Fatto? Hai involontariamente trasformato i simboli su uno schermo o su un foglio in suoni nella tua testa. O per dirla in altro modo, tu leggi. Ciò sembra abbastanza semplice, ma passare da ciò che le lettere assomigliano a quello che sembrano è un complesso compito multisensoriale che richiede cooperazione tra le aree del cervello specializzate per l’elaborazione visiva e uditiva.

Leggiamo grazie ad una rete

I ricercatori chiamano questa raccolta di regioni cerebrali specializzate che associano le lettere ai suoni (fonemi) una rete di lettura. La misura in cui queste parti sensoriali specifiche del cervello sono in grado di connettersi come una rete, durante lo sviluppo di un bambino, predice la loro capacità di lettura, secondo i risultati, che appaiono in Frontiers of Psychology.

Questo spostamento evolutivo integra parti del cervello precedentemente ignorate, suggerendo che le diverse abilità di lettura sono associati alla natura e al grado dei cambiamenti nei percorsi neurali all’interno della rete di lettura.

Quando i bambini imparano a leggere, il cervello si ricabla in modo da passare da un’area che lavora su questioni visive a un’altra che lavora su argomenti uditivi e alle due aree che lavorano insieme come un’unità coesiva“, afferma il coautore dello studio Chris McNorgan, un assistente professore di psicologia all’Università di Buffalo.

Da isolato a interattivo

Non c’è un’area di lettura del cervello. La lingua scritta si sviluppò approssimativamente 5.000 anni fa, troppo recentemente nella storia evolutiva per avere una parte del cervello dedicata alla lettura.

Ma abbiamo ereditato circuiti cerebrali specializzati dai nostri antichi antenati“, afferma McNorgan. “Dovevano riconoscere gli oggetti, quindi c’è intrinsecamente una parte del nostro circuito cerebrale adattato per identificare il tipo di cose necessarie per individuare le diverse lettere. La parte uditiva del cervello è brava a riconoscere i suoni del discorso “.

Padroneggiare sia le forme linguistiche scritte che quelle parlate richiede che una parte del cervello faccia dialogare la parte nominalmente visiva  con quella uditiva.

I partecipanti allo studio che hanno dimostrato il miglior sviluppo come lettori hanno avuto il più grande cambiamento delle aree precedentemente isolate del cervello che, successivamente, sono risultate più interattive.I ricercatori, per il loro studio di connettività funzionale, hanno usato la risonanza magnetica funzionale (fMRI), una tecnologia che misura e mappa l’attività cerebrale. La connettività anatomica si riferisce a tracce di materia bianca che collegano fisicamente parti del cervello, ma la connettività funzionale  considera aree cerebrali separate che sembrano attivarsi nello stesso tempo quando rispondono ad uno stimolo specifico.

Lo studio

I ricercatori hanno lavorato con 19 partecipanti di lingua inglese, seguendo il gruppo in due archi temporali: 8-11 e 11-13 anni.

Hanno misurato l’abilità di lettura dei partecipanti in entrambi i lassi di tempo valutando la loro capacità di leggere una serie di pseudo-parole.

Una pseudo-parola, come “glarp”, è una stringa di lettere pronunciabile che non è una parola reale. L’abilità di lettura di pseudo parole è un’utile misura della capacità di lettura perché obbliga i partecipanti ad utilizzare le regole del linguaggio per elaborare la pronuncia piuttosto che basarsi sull’esperienza di lettura acquisita precedentemente per identificarla.

Dopo che i ricercatori hanno valutato la loro capacità di lettura, i partecipanti si sono sottoposti allo scanner fMRI, con cui hanno testato se parole visualizzate in sequenza attivassero una parte specifica del cervello.

Sulla base dei dati della fMRI, i ricercatori hanno determinato quali aree del cervello si connettono durante l’attività di lettura.

Usando tecniche prese in prestito dalla stessa branca della matematica che misurano il funzionamento di altri tipi di reti del mondo reale, i ricercatori sono stati in grado di misurare il dialogo negli schemi di interazione tra le regioni del cervello che interessano la rete di lettura.

Questo è affascinante perché rientra perfettamente nelle ricerche precedenti su quello che succede nella mente di un bambino mentre impara a leggere“, afferma McNorgan. “A livello evolutivo, i bambini iniziano ad avere più dialogo tra l’area di elaborazione del suono e quella visiva. Si rafforzano reciprocamente l’un l’altra. Se non ricevono questo input, i bambini hanno difficoltà a leggere “.

Conclusione

I risultati potrebbero aiutare gli educatori a ideare metodi di insegnamento che incoraggino un funzionamento più interattivo di queste aree per aiutare i bambini che hanno difficoltà nella lettura.

Fonti:

http://www.buffalo.edu/news/releases/2018/10/008.html

https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpsyg.2018.01754/full

Lascia un commento

uno × quattro =