L’evoluzione del feto

Tempo di lettura: 3 minuti

La magia dell’evoluzione del feto raccontata settimana per settimana, dalla fecondazione alla nascita.

 

fecondazione

1-4 settimane

Dall’unione del liquido seminale e dell’ovulo nasce una nuova vita. In questo “momento zero” il nucleo fecondato misura solo 0,12 millimetri. Dopo quattro ore l’embrione comincia la divisione cellulare. Questo ammasso di cellule di forma quasi sferica impiega cinque giorni a scendere dalle tube all’utero, cominciando poi ad annidarsi nella mucosa uterina. Ha le dimensioni di una capocchia di spillo.

feto all'ottava settimana

5-8 settimane

Si formano i vasi sanguigni, collegati alla circolazione della mamma. Durante la quinta settimana il cuore del feto comincia a battere e si sviluppano mani e piedi. Iniziano inoltre a formarsi gli occhi, il fegato, l’esofago, lo stomaco e i genitali esterni. Alla fine del secondo mese il piccolo è lungo circa 2 centimetri e pesa più o meno 10 grammi.

Feto alla dodicesima settimana

9-12 settimane

A partire dalla decima settimana il bambino è in grado di avvertire gli stimoli sulla pelle. Il fegato inizia a produrre liquido biliare. Verso la fine del terzo mese il bimbo beve il liquido amniotico e lo espelle, è un allenamento per polmoni e reni. La corteccia cerebrale comincia a crescere. Si formano inoltre le prime gemme dentali, strutture dalla quali si svilupperanno successivamente i denti. Alla fine del terzo mese il bambino misura circa sette centimetri e pesa circa 25 grammi.  

Feto alla sedicesima settimana

13-16 settimane

Le vie di conduzione nervosa nel corpo sono collegate tra loro consentendo al bambino di girarsi, muoversi e fare capriole. Il feto ha molto spazio a disposizione per muoversi, tocca solo lievemente le pareti uterine. Pian piano i bulbi oculari cominciano a muoversi, anche se le palpebre sono ancora chiuse in modo saldo.

feto alla ventesima settimana

17-20 settimane

Iniziano a svilupparsi i sensi, il primo è quello del gusto. Nella 20esima settimana di gravidanza il feto ha un numero di papille gustative dieci volte superiori rispetto al momento della nascita. Il dolce è il gusto prediletto. Le orecchie sono in grado di percepire i suoni prodotti dalla madre: battito cardiaco, rumori della digestione, voce materna. Alla fine del quarto mese il bambino misura circa 25 centimetri e pesa circa 400 grammi.

feto alla ventiquattresima settimana

21-24 settimane

Il bambino è interessato al proprio corpo (succhia il pollice, gioca con il cordone ombelicale) e i suoi movimenti diventano più veloci. È in grado di provare dolore e di avere il singhiozzo (se il liquido amniotico va di traverso). Alla fine del quinto mese il bambino misura circa 30 cm e pesa tra i 600 e i 700 grammi.

feto alla ventottesima settimana

25-28 settimane

Il bambino è in grado di percepire cosa succede all’esterno del corpo materno. Le vie di conduzione nervosa collegano gli occhi alla corteccia cerebrale, intorno alla 26esima settimana il piccolo apre per la prima volta le palpebre. È sensibile alla luce nonostante gli giunga solo 1% della luce diurna. Sviluppa il senso del piacere. Alla fine del settimo mese il bimbo misura da 35 a 37 cm e pesa circa 1000/1200 grammi.

feto alla trentaduesima settimana

29-32 settimane

Il bambino reagisce ai contatti dall’esterno. I polmoni si stanno ancora sviluppando. In caso di nascita prematura in queste settimane il bambino sopravviverebbe con l’aiuto dei supporti medici. Alla fine dell’ottavo mese misura da 40 a 42 cm e pesa circa 1700/2000 grammi.

posizione del feto

33-36 settimane

Il bambino inizia ad avere poco spazio nel pancione, inghiottisce ogni giorno fino a 3 litri di liquido amniotico, questo è un allenamento per stomaco, intestino e vescica. Succhia spesso il pollice e sgambetta vigorosamente, la pelle viene massaggiata dalla parete uterina. Apre spesso le palpebre. Alla fine del nono mese il bambino misura circa 46 cm e pesa tra 2500/3000 grammi.

feto a pochi giorni dal parto

37-40 settimane

Nelle ultime settimane tutti gli organi sono pronti per funzionare e oltre 100 milioni di cellule cerebrali aspettano di essere adeguatamente alimentate. Inoltre si forma uno strato di grasso per proteggere il bambino dalle escursioni termiche. La memoria funziona già nel grembo materno: gli scienziati hanno scoperto che il feto nella 37esima settimana di gravidanza è in grado di ricordare una sequenza di suoni per almeno 24 ore. Il bambino inizia inoltre a compiere i primi movimenti respiratori e si impegna con il corpo a prepararsi alla nascita.

 

Foto credits www.babycentre.co.uk