Prodotti per pulire casa e asma infantile: ecco il legame

0
10 views
Prodotti per pulire casa e asma infantile: ecco il legame

Ricercatori canadesi hanno trovato un’associazione tra l’utilizzo di alcuni prodotti per la pulizia della casa e l’asma infantile.

Uno studio canadese su oltre 2000 bambini suggerisce che quelli cresciuti nelle famiglie che usavano più prodotti per la pulizia avevano un rischio significativamente maggiore di contrarre l’asma all’età di tre anni.

Ciò ha spinto i ricercatori a chiedere una migliore regolamentazione delle forniture per la pulizia, incluso :

  • l’obbligo per i produttori di elencare gli ingredienti chimici sugli imballaggi 
  • che vengano fatti i test per gli effetti nocivi sulla salute prima della loro vendita.

Mentre lo studio mostra un collegamento, non può dimostrare che gli agenti di pulizia siano responsabili dell’asma. Ma gli autori affermano che ci sono prove evidenti da altri studi che i detergenti causano l’asma negli adolescenti e negli adulti.

Molti detergenti contengono composti organici volatili, sostanze chimiche che secondo l’American Lung Association sono collegate a problemi respiratori e dovrebbero essere evitate. I ricercatori pensano anche che sia plausibile che l’esposizione a lungo termine ai prodotti causi infiammazione e restringimento delle vie aeree. 

I dati dello studio

Gli studiosi hanno scoperto che i bambini che hanno vissuto nelle case con l’uso più frequente di prodotti per la pulizia avevano una probabilità maggiore del 37% di una diagnosi di asma e una probabilità maggiore del 35% di riferire respiro sibilante.

Quali prodotti evitare

I prodotti con il più forte legame con l’asma erano prodotti profumati e spray che producono goccioline liquide sottili chiamate aerosol.

Pensiamo che sia perché aiuta a facilitare l’esposizione ai polmoni di una persona“, afferma l’autore senior Jaclyn Parks, della Simon Fraser University di Vancouver. “Può quindi depositarsi sulla polvere che si inala in seguito, oppure l’effettiva irrorazione di un prodotto può entrare nei polmoni.”

I bambini possono essere particolarmente a rischio, affermano gli autori, perché hanno una frequenza respiratoria più elevata e quindi assorbono di più. Sono anche più vicini al suolo.

Anche i prodotti etichettati come “ecologici” o “verdi” possono contenere sostanze nocive, in quanto tali affermazioni sono in gran parte non regolamentate.

Fate quindi attenzione che nei prodotti che acquistate non ci siano:

  • alcol, 
  • glicole propilenico,
  • tripolifosfato di sodio,
  • cloro,
  • solventi butilici tossici,
  • nitrobenzene
  • formaldeide.

Quindi, vuoi sapere qual è l’odore di una casa “sana”?  Nessuno!


Fonti:
https://www.atsjournals.org/doi/full/10.1164/rccm.201706-1311OC
https://www.lung.org/our-initiatives/healthy-air/indoor/indoor-air-pollutants/cleaning-supplies-household-chem.html
https://www.cmaj.ca/content/192/7/E154
https://www.cmaj.ca/content/192/7/E164
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25805254
https://link.springer.com/article/10.1007/s11869-015-0327-6
http://www.unswlawjournal.unsw.edu.au/wp-content/uploads/2017/11/404_4.pdf
https://link.springer.com/article/10.1007/s00204-019-02439-0