Pelle del bambino: come proteggerla?

0
1.101 views
Pelle del bambino: come proteggerla?

Bagnetto, cambio del pannolino e idratazione: come prendersi cura della pelle del proprio bimbo.

La pelle dei bambini è molto più delicata di quella degli adulti e quindi molto più esposta ad agenti fisici e chimici esterni. Dalla nascita fino ai 12 anni di età infatti, lo strato più esterno dell’epidermide è più sottile e, dal momento che non produciamo sebo, tende ad essere più secco.

È molto importante dunque prendersene cura nel modo corretto e utilizzare pochi prodotti formulati con ingredienti semplici e naturali.

Il bagnetto: come detergere la pelle dei bimbi?

Anche se il bimbo è molto piccolo, non è sufficiente lavarlo solamente con l’acqua perché il suo corpo presenta sottili strati di grasso che richiedono l’utilizzo di detergenti specifici.

Per il bagnetto è consigliabile usare un detergente oleoso senza l’aggiunta di profumazioni che deterge la pelle senza seccarla, e che, nella maggior parte dei casi, ha anche la funzione di shampoo.

Sono invece assolutamente da evitare i normali saponi o bagnoschiuma che risultano essere troppo aggressivi per la delicata pelle del piccino.

Come asciugarlo?

Sapere qual è il modo corretto di asciugare il vostro bimbo è importante tanto quanto sapere come lavarlo. È molto importante infatti che la sua pelle non venga strofinata, ma tamponata, utilizzando un asciugamano morbido, preferibilmente di cotone o di spugna.

Bisogna inoltre fare particolarmente attenzione ad asciugare bene le zone più soggette a ristagni, come le ascelle, il sederino e le pieghe delle ginocchia e dei gomiti.

Cambio del pannolino: come prevenire le irritazioni?

La pelle del sederino è spesso soggetta ad irritazione e arrossamenti a causa dello sfregamento del pannolino, dell’umidità e contatto con le urine e le feci.

Innanzitutto è di fondamentale importanza cambiare il pannolino al bimbo ogni quattro ore circa e lavare bene il sederino sotto l’acqua corrente. Se c’è la possibilità poi, è consigliabile lasciarlo un po’ di tempo senza pannolino in modo tale da far respirare la pelle.

Per proteggere questa zona inoltre è necessario utilizzare una crema o una pasta contenente pantenolo o ossido di zinco: si tratta infatti sostanze lenitive che svolgono una duplice azione di prevenzione e guarigione.

Come idratare la pelle?

La pelle dei neonati non ha ancora tutte le protezioni necessarie e ha bisogno di cure e attenzioni particolari per mantenerla protetta e idratata.

In commercio infatti esistono diversi prodotti protettivi e lenitivi, che contengono ad esempio calendula, olio di mandorle o di oliva. Anche l’amido di riso e i prodotti che lo contengono sono molto utili, perché aiutano a calmare gli arrossamenti e a mantenere morbida la pelle.

In ogni caso è importante controllare sempre la composizione di creme e oli prima di procedere all’acquisto, per controllare che gli ingredienti siano il più naturali possibili. In caso di dubbio inoltre, è sempre possibile chiedere consiglio al proprio pediatra.