Consigli pratici per i neo papà

Consigli pratici per i neo papà

Le future mamme, anche grazie al periodo di gestazione, sviluppano un immediato contatto con i loro bambini mentre spesso, i papà hanno bisogno di un po’ più di tempo per creare una relazione con i loro piccoli. 

Ecco  alcuni consigli per i papà per aiutarli a legare e alimentare il rapporto con il figlio che nascerà.

1. Non sottovalutare le loro prime ore al mondo.

Le prime ore che padri e neonati trascorrono insieme possono avere un impatto notevole sul legame che sviluppano nei primi mesi. Gli scienziati sanno che i papà che trascorrono molto più tempo con i loro bambini subito dopo la nascita hanno maggiori probabilità di essere coinvolti e trascorrere del tempo con il loro bambino per i prossimi 3 mesi. Non è mai troppo presto per iniziare a cementare quella relazione. 

2. Condividi un contatto pelle a pelle

La ricerca mostra che il contatto pelle a pelle consente al cervello del bambino di rilasciare ossitocina, nota anche come ormone dell’amore, che li fa sentire felici. Fa anche sentire il bambino protetto e calmo, e il padre si sentirà quindi più vicino al neonato. 

3. Partecipa attivamente alla vita del bambino

La ricerca ha dimostrato che i genitori che si assumono più responsabilità nelle attività quotidiane dei bambini hanno un legame più forte con i loro figli rispetto a quelli che non lo fanno. I padri possono essere coinvolti nel fare il bagnetto, cambiando i pannolini, fare le poppate con il biberon e mettendoli a dormire. Prendersi cura di un bambino è un duro lavoro, ma se mamma e papà condividono compiti, la tensione diminuirà e il bambino si legherà ad entrambi.

4. Gioca con il tuo bambino

I papà tendenzialmente sono più giocosi. Il gioco quindi può essere un’ottimo strumento per aiutare il legame con il proprio bambino. Con il  “vola vola ” e delicati solletichini si rafforzerà quella connessione naturale. 

5. Condividi un rituale quotidiano

Questa può essere un’attività semplice e banale come fare il bagno al bambino, ma farlo ogni giorno crea una connessione tra padre e figlio. Un bambino si aspetta che suo padre sia lì al momento del bagno e desidera i suoi massaggi delicati, i suoi volti buffi e le sue canzoni  e si aspetta che siano un “must” ogni giorno. 

6. Guardare negli occhi e sorridere

I bambini nascono con una visione ancora non completamente sviluppata. Tuttavia, possono distinguere chiaramente la faccia del loro papà mentre li tiene in braccio in quanto possono mettere a fuoco a circa 20 centimetri di distanza. Il viso del papà è una delle nuove curiosità che vorranno esplorare, in modo che possano stabilire un contatto visivo. 

7. Rispecchia il tuo piccolo

Che ci crediate o no, ai bambini piace stabilire un contatto attraverso l’imitazione. Avere una connessione in tempo reale come quando un bambino imita suo padre non ha prezzo. I genitori possono fare la stessa cosa e farne un gioco. Possono imitare i gorgoglii del bambino e assecondare il loro sorriso. Dopo un po ‘inizieranno anche a imitare le risate reciproche.

8. Goditi il ​​tempo di lettura insieme

I bambini iniziano a imparare la lingua dei loro genitori dall’interno dell’utero e sono affascinati dalle loro voci. Un padre può trovare un momento della giornata in cui si sente a suo agio e coccolare il bambino leggendo un racconto. 

9. Porta a spasso il tuo bambino

Se il papà va a fare una passeggiata, può provare a tenere il bambino con l’aiuto di un marsupio.

10. Avere uno speciale rituale di “benvenuto a casa”

Il ritorno a casa del papà può diventare una buona opportunità per rafforzare la sua connessione con il neonato creando un rituale esclusivo.

Fonti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29017336

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3223373/

Lascia un commento

otto + 1 =